Veni, vidi, visual: le 5 tipologie di contenuti per la tua comunicazione online

Tabella dei Contenuti

Ogni giorno ci svegliamo e accendiamo i nostri telefoni, i nostri computer e la nostra televisione. Istantaneamente veniamo travolti da uno tsunami di contenuti e dati.

È una mole di informazioni enorme, che ci investe sette giorni su sette, 24 ore su 24, e a cui viene addirittura imputata una importante riduzione della nostra capacità di concentrazione, apparentemente inferiore a quella di un pesce rosso. Chiaramente – e per fortuna – si tratta di una bufala. Ma in questa bufala si cela un fondo di verità: biologicamente parlando non abbiamo perso la capacità di concentrarci ma, a causa dei continui e ripetuti stimoli, la nostra tendenza alla distrazione è significativamente aumentata.

La soglia degli 8 secondi è anche l’ostacolo contro cui si scontrano i creator di tutto il mondo: come fare a interessare gli utenti e non perdere la loro attenzione? Quali contenuti funzionano meglio per la mia azienda? E soprattutto, quante tipologie di contenuti esistono?

Una risposta integrale potrebbe risultare estremamente articolata, quindi per comodità e amore della semplificazione (nonché del tempo che hai deciso di dedicare a questa news) li abbiamo raccolti tutti in 5 macro-categorie che ci aiutano a portare avanti le attività social dei nostri clienti al meglio, a seconda dei diversi obiettivi e non solo. Scopriamole insieme!

 

1. Pick, click, snap: foto!

Partiamo con le foto, uno dei contenuti più classici e forse facili da realizzare, tradizionalmente alla base della nascita di tutti i moderni social network. Sono contenuti diretti, veloci e quando realizzati nel modo corretto, efficaci. Mostrano i colori sgargianti di un piatto del tuo ristorante, i panorami mozzafiato delle camere del tuo albergo, il risultato del duro lavoro della tua azienda. Rivelano il prodotto finito al cliente, come si posiziona un complemento d’arredo nel salotto, le persone che si nascondono dietro alle tue creazioni. Ma possono anche ispirare idee e suscitare emozioni quando sono particolarmente evocativi, per trasmettere i valori e i messaggi del tuo brand.

Capire che tipo di foto è più utile per la tua strategia, come impostarla e a quale canale indirizzarla, è – inutile dirlo – fondamentale per raggiungere i tuoi obiettivi. Alla base di questo ragionamento bisogna sempre tenere in considerazione che l’essere umano è un cosiddetto visual learner: è più facile apprendere nozioni e contenuti se veicolati tramite un contenuto visivo che ci aiuta a memorizzare meglio i concetti fondamentali. Come, per l’appunto, le foto.

Puoi postare una foto singola o un carosello, ma la prima regola da seguire è molto semplice: bisogna raccontare qualcosa che possa essere interessante o utile per la tua audience.

Metti in luce il dietro le quinte della tua azienda, porta gli utenti in posti inesplorati, mostra loro le curiosità della tua attività. Ricordati sempre che quando posti entri automaticamente in competizione con miliardi di altri contenuti visivi simili al tuo, per cui è importante sempre porsi queste domande: cosa voglio raccontare tramite il mio scatto? Perché un utente dovrebbe essere interessato al mio contenuto piuttosto che a un altro? E la domanda onnipresente: è in linea con la mia strategia social?

foto grafici

 

2. Pennelli e tracciati per una grafica di successo

È molto semplice: una grafica sfrutta i colori e le informazioni più importanti per catturare l’attenzione dell’utente. Perché? La risposta è puramente biologica: nonostante occupi una parte relativamente piccola all’interno del cervello, la corteccia visiva è capace di processare e e assimilare informazioni 60.000 volte più velocemente di quanto ci metta per le parole. Questo vuol dire che contenuti grafici che contengono messaggi brevi ed estremamente chiari hanno una buona probabilità di rimanere impressi nella mente di chi li vede.

Non a caso il formato grafico spesso viene utilizzato per riportare una recensione positiva agli occhi di un potenziale cliente, per veicolare un tratto distintivo del tuo prodotto, oppure per trasmettere i valori della tua azienda tramite il significato simbolico dei colori.

È per realizzare questo tipo di contenuti che torna utilissimo il brand book, per sapere quali colori utilizzare e quale stile grafico adottare nel momento in cui si va a realizzare il contenuto. Una grafica è un valido supporto per mostrare il tuo brand come professionale, autorevole. Un ausilio importantissimo, insomma, per trasmettere la tua brand identity.

foto grafici

 

3. Ciak… si gira!

Arriviamo ora al king dei king del content che è king… i video! Contenuti fondamentali a cui abbiamo già dedicato un intero articolo del nostro blog e di cui si sente (e si sentirà) sempre più parlare.

Dai video che raccontano una storia a quelli divertenti, dai gattini fino a quelli di prodotto, i video sono il contenuto più diffuso e utilizzato del momento. Che siano brevissimi e d’impatto o lunghi ed esplicativi, anche in questo caso vige la severa regola degli “8 secondi”: cattura l’attenzione dell’utente subito o finirai nel dimenticatoio dei video scartati. È per questo che è importantissimo avere ben chiaro l’obiettivo del tuo contenuto, che sia mostrare il tuo prodotto all’opera, ricordare un evento o mostrare alla tua audience la cucina del tuo locale al lavoro.

I video sono contenuti tanto versatili quanto le foto ma con un potenziale più alto e un grado di impegno per la realizzazione più elevato. Per dare autorevolezza al tuo contenuto – e di conseguenza al tuo brand – è importante che venga girato da professionisti capaci di renderlo veramente efficace e in grado di imporsi sulla concorrenza.

È un contenuto completo, che racchiude in forma visiva una storia che altrimenti verrebbe raccontata da un singolo frame: sfruttalo al meglio per avere successo online.

foto grafici

 

4. Penna e calamaio, parliamo di blog e news

Dopo i contenuti visivi passiamo a quelli puramente testuali. Se è vero che parlare di “blog” ha un sentore da inizio anni 2000, è altrettanto vero che questa tipologia di contenuto, quando sfruttata a dovere, ti può permettere di raggiungere target e risultati importanti. È il campo di gioco di copywriter e SEO Specialist che, a braccetto, sono in capo alla definizione delle news che vanno poi a popolare i siti web.

Blog e news infatti sono cruciali all’interno di strategie di ottimizzazione per i motori di ricerca e mantengono tutt’ora grande rilevanza nonostante il panorama digitale abbia subito importantissime evoluzioni in senso visivo. Nutrire il proprio sito web con contenuti freschi, informativi e di qualità, utili agli utenti e in grado di rispondere alle loro domande, permette non solo di soddisfare le esigenze dei visitatori del sito, ma favorisce anche un migliore posizionamento del tuo brand nei motori di ricerca.

Spiega gli aspetti più tecnici della tua azienda, esplora le caratteristiche del tuo prodotto, racconta le storie che si nascondono dietro il tuo brand. Gli articoli del blog parlano a quelle persone interessate al tuo lavoro e che desiderano avere maggiori informazioni riguardo quello che fai. Che sia per convincerli a completare un acquisto o avere una maggiore conoscenza della tua realtà, il blog è uno strumento fondamentale per avvicinarti ai clienti più fedeli e ai potenziali nuovi clienti.

foto grafici

 

5. Lasciamo parlare gli altri: è l’era dell’influencer marketing

Più che un contenuto parliamo di una vera e propria strategia di marketing, ma che noi includiamo tra questi punti perché si tratta di un contenuto deciso e formulato dall’azienda in collaborazione con un’altra figura, celebre o meno che sia. Ovviamente può essere una foto, una grafica o un breve video, che può essere pubblicato sui canali ufficiali dell’azienda ma che in linea di massima finisce sui profili di un personaggio esterno.

Quelli prodotti dagli influencer, o creator, sono contenuti dal valore importantissimo e che in futuro avranno sempre maggior rilevanza nelle strategie online dei brand, in ragione della loro capacità di raggiungere bacini di utenti altamente fidelizzati e capaci di generare ritorni sull’investimento di grande rilievo.

Utilizzare l’influencer marketing per il proprio brand significa effettuare investimenti e attività strategiche altamente mirate: per farlo bene, è necessario identificare una figura pubblica la cui audience si identifichi con quella del tuo brand e sfruttare la sua credibilità a tuo vantaggio, generando grandi risultati in pochissimo tempo.

Influencer e creator godono di una credibilità che i brand difficilmente raggiungono. Per quanto un’azienda possa sforzarsi di rendersi più umana non avrà mai i risultati di una figura pubblica. Per questo diventeranno sempre più importanti le attività di influencer marketing nei prossimi anni: qui da Netrising abbiamo un team dedicato che si occupa di tutti gli aspetti gestionali e strategici legati a queste attività, per un servizio completo che va dalle ricerche di mercato fino alla reportistica di follow up.

 

Concludendo

Questi sono i 5 contenuti che utilizziamo per soddisfare le richieste e le esigenze dei nostri clienti, seguendo un processo che si può riassumere così:

  1. Identifichiamo la tipologia di contenuto migliore;
  2. Realizziamo il contenuto in linea con le strategie e gli obiettivi prefissati;
  3. Valutiamo le performance nel tempo;
  4. Raccogliamo dati e informazioni per andare ad intervenire sul nostro lavoro e perfezionarlo.

Lo sappiamo, sembra facile ma non lo è. Per questo da Netrising abbiamo un intero team dedicato al content: contattaci e scopri quello che possiamo fare per te!

Pubblicato il 14 Luglio 2023
Related Articles