Real Time Marketing: quando il tempismo è tutto

Tabella dei Contenuti

Negli ultimi anni il marketing real-time (per gli amici RTM) è diventato una strategia sempre più popolare tra quei brand e aziende che vogliono creare connessioni più profonde e durature con il proprio target di riferimento. 

 

Ma cos’è il real time marketing e perché dovresti incorporarlo nella tua strategia di marketing? Scopriamolo insieme in questo articolo. 

Instant Marketing: dai una svolta alla tua strategia

Il marketing real-time si basa sulla capacità di un’azienda di essere reattiva e di rispondere velocemente agli stimoli esterni, dai trend agli eventi attuali, sfruttandoli per comunicare con la propria community e stimolarla ad interagire con il brand offrendo così un’esperienza interattiva, onesta e inclusiva. 

 

Nonostante la tempestività che lo caratterizza, il marketing real-time non si basa su reazioni improvvisate. Al contrario, occorre grande pianificazione e organizzazione: chi si occupa di implementare queste strategie, deve monitorare costantemente gli eventi attuali per poter reagire in tempo reale e costruire una comunicazione quanto più coerente alla brand identity e ai valori dell’azienda.

Perché fare content real-time è importante

I contenuti real-time sono spontanei e attuali, per questo sono in grado di attirare l’attenzione degli utenti e coinvolgerli emotivamente (registrando un aumento di interesse pari al 76%), instaurando un legame diretto con loro.

 

Riuscire a captare gli argomenti in trend e parlare di eventi di grande risonanza in tempo reale dimostra che il brand è al passo con ciò che accade non solo online ma anche off, posizionandolo come interlocutore attento e aggiornato. Inoltre, ne mette in risalto anche la capacità di comprendere gli interessi del pubblico, aumentando la fiducia nei suoi confronti. Questo fenomeno, se ben sfruttato, è in grado di portare grande visibilità alle aziende, attrarre nuovi clienti oltre che fidelizzare quelli già presenti.

 

Se vuoi scoprire come sfruttare il real time marketing per la tua azienda, continua a leggere.

6 tipologie di Marketing RTM

Ci sono due variabili intorno alle quali si modellano le strategie real-time: pianificato/non pianificato e proattivo/reattivo. In base alle diverse combinazioni di questi fattori si definiscono 6 modalità diverse per reagire agli eventi in trend:

 

  • Brand events: si tratta di eventi organizzati dall’azienda e condivisi in tempo reale, come ad esempio l’organizzazione di un workshop o il lancio di un nuovo prodotto o servizio.
  • Anticipated events: ovvero eventi esterni all’azienda ma che sono comunque prevedibili e integrabili nel proprio piano editoriale, come le festività (ad esempio il Natale), le ricorrenze (ad esempio le Olimpiadi) o le giornate internazionali riconosciute (ad esempio la Festa della Donna).
  • Location based: sono campagne di marketing basate sulla geolocalizzazione e che mirano ad inviare contenuti personalizzati agli utenti target: questi vengono mostrati solo nel momento in cui si trovano nei pressi di un luogo d’interesse, ad esempio nelle vicinanze di un punto vendita, e li motivano a visitare lo store incentivati da un’offerta studiata ad hoc.
  • Predictive analytics: si tratta di contenuti pianificati dall’azienda grazie ad una attenta analisi dei dati relativi ai gusti e le abitudini dei consumatori. In questo modo si possono mettere in atto efficaci strategie di remarketing e brand awareness. 
  • Customer interaction: in questo caso parliamo di un’interazione tra brand e utenti che non è pianificabile (come le risposte ai commenti), quindi è fondamentale che questa avvenga in modo attento e tempestivo.
  • Breaking news: questa è la tipologia di real time marketing più conosciuta e diffusa. Si basa sulla capacità di sfruttare news ed eventi in trend per creare contenuti originali e pertinenti, che percepiti come particolarmente interessanti dal pubblico diventano spesso virali.

 

Non abbiamo ancora finito, continua a leggere per scoprire qualche esempio di successo!

 

Blackout al Super Bowl

È il 2013 quando il Super Bowl viene sospeso (ben 34 minuti!) a causa di un blackout. Con il pubblico in preda alla noia ed immerso completamente nei social, Oreo coglie l’occasione per pubblicizzare il proprio prodotto. 

 

Attraverso un tweet ironico sul canale ufficiale “Power out? No Problem, you can still dunk in the dark”, il brand internazionale diventa subito virale raggiungendo un livello di engagement senza precedenti: 15 mila retweet, 525 milioni di impression organiche e una crescita dei follower vertiginosa (oltre 30 mila follower su Instagram). 

Il social listening di Mulino Bianco

La recente iniziativa intrapresa da Mulino Bianco sfrutta il malinteso del pubblico riguardo alla canzone “Tuta Gold” di Mahmood, presentata Festival di Sanremo 2024. Durante l’ultima edizione del festival, infatti, si diffonde tra il pubblico una versione fraintesa e reinterpretata della frase “i gilet neri pieni di zucchero”.

 

Si diffonde il meme che ironizza sui “cileni ripieni di zucchero”, un tipo di biscotto (ebbene sì, inesistente) della Mulino Bianco. Grazie al social listening, il brand ha deciso di produrre e recapitare a casa del cantante una confezione gigante di “cileni”, il quale ha poi ricondiviso sui suoi social l’unboxing e generato grande engagement. 

 

Questi sono solo alcuni esempi di campagne di real time marketing, ma dimostrano l’efficacia di una comunicazione immediata ed in tempo reale. 

 

Vuoi ricevere una strategia mirata in base alla tua attività? Contattaci!

Pubblicato il 12 Giugno 2024
Related Articles