Guida ai format grafici dei social media: tutto quello che ti serve sapere

Tabella dei Contenuti

Le immagini, si sa, possono raccontare storie in modo potente e immediato. Con un solo sguardo, puoi trasmettere emozioni, esperienze e messaggi che parlano direttamente al tuo pubblico.

 

Dopo aver acquisito familiarità con la creazione del piano editoriale, è tempo di affrontare il capitolo successivo della nostra avventura digitale: imparare come trasformare la visione in realtà attraverso un sapiente utilizzo dei formati grafici.

 

Ma come fare? Te lo spieghiamo noi in questo articolo, dove troverai informazioni su come si struttura un contenuto e sui formati da utilizzare su Instagram, Facebook e LinkedIn, assieme a qualche suggerimento per sfruttarli al massimo delle loro potenzialità.

 

Occhio alla gerarchia delle informazioni!

La prima regola per la costruzione di un buon contenuto è facile: presta attenzione alla sua struttura. Potrà sembrarti superfluo, ma una buona gerarchia visiva stabilisce il valore e l’importanza delle tue informazioni e guida l’utente nella loro elaborazione. Quando viene a mancare, in fase di progettazione del contenuto, quello che si ottiene è solo una gran confusione di elementi che sembrano avere tutti la stessa importanza. Il risultato, è una facile perdita di interesse da parte di chi fruisce del tuo contenuto.

 

Quindi come si struttura una grafica per i social? Andiamo per punti:

 

  1. Priorità visiva: assicurati che gli elementi più importanti, come il messaggio chiave e la call-to-action, siano immediatamente visibili, perciò regola le dimensioni del testo e le spaziature in modo da evidenziarli rispetto agli altri elementi. Fondamentale è anche l’utilizzo dei colori, che devono essere contrastanti rispetto allo sfondo e agli elementi grafici inseriti. Assicurati poi di posizionare gli elementi più importanti in punti chiave della grafica, dove l’occhio tende naturalmente a concentrarsi, come al centro o in alto a sinistra.
  2. Organizzazione logica: struttura la grafica seguendo un flusso naturale per la lettura. Le informazioni devono essere presentate in un ordine coerente e intuitivo, rispettando la sequenza di lettura dell’utente. Evita infine di sovrapporre troppi elementi e di riempire eccessivamente lo spazio che hai a disposizione: ricorda che spesso “less is more”!
  3. Semplicità ed eleganza: una grafica semplice e pulita è più facile da comprendere e memorizzare rispetto a una grafica sovraccarica. Chiarezza e linearità nella presentazione dei contenuti si riflettono positivamente sull’immagine del brand. Un design pulito e professionale infatti, comunica affidabilità, autorevolezza e attenzione ai dettagli, contribuendo a rafforzare l’identità visiva. Di nuovo: “less is more”!

Un piccolo appunto: durante la fase di creazione di contenuti visivi, è importante tenere in considerazione anche le safe area – gli spazi che è fondamentale rispettare per evitare che il contenuto non risulti tagliato o oscurato una volta caricato e visualizzato dall’utente sulle diverse piattaforme.

 

Instagram e le nuove frontiere del contenuto visivo

Instagram nasce per la condivisione di contenuti visivi. Negli anni la piattaforma si è evoluta e ha cambiato le sue regole e i suoi algoritmi, mantenendo però invariata l’importanza dell’impatto visivo dei contenuti che ospita. Ecco perché l’aspetto delle tue pubblicazioni e la scelta del formato corretto giocano un ruolo cruciale nel comunicare i tuoi messaggi e coinvolgere il tuo pubblico, distinguendoti rispetto ai tuoi competitor.

 

Post: per creare un archivio visivo duraturo

I post di Instagram offrono una presenza duratura sulla piattaforma, consentendo agli utenti di condividere contenuti che possono essere esplorati e apprezzati nel tempo. Possono essere quadrati (square), verticali (portrait) e orizzontali (landscape) e si possono articolare in caroselli in grado di ospitare fino ad un massimo di 10 contenuti foto e video (ma già si parla della volontà di Meta di portare il limite a 15 nelle prossime settimane). Servono a costruire il feed, un archivio visivo della comunicazione del tuo brand, e quindi vanno progettati tenendo a mente gli obiettivi di marketing e l’identità del brand stesso.

 

Stories: coinvolgimento istantaneo e interattivo

La comunicazione in real time, su Instagram, prende vita nelle stories e permette di coinvolgere in maniera immediata i follower. Si tratta di contenuti foto e video verticali, visibili per le 24 ore successive alla loro pubblicazione, e di durata variabile fino ad un massimo di 60 secondi. Possono essere salvate nei contenuti in evidenza sul profilo e sono il formato ideale per condividere aggiornamenti quotidiani, il dietro le quinte e contenuti più veloci e informali che però arricchiscono la narrazione del brand.

 

Reel: il formato che ha rivoluzionato Instagram

I reel hanno rivoluzionato le regole di Instagram. Si tratta di contenuti video verticali e altamente personalizzabili in piattaforma, come le stories, con una durata variabile fino ad un massimo di 90 secondi. Ciascun profilo ha una sezione dedicata ai reel, di cui si può personalizzare anche l’immagine di copertina per assicurare un inserimento uniforme all’interno del feed principale. Da cui, però, possono essere nascosti. A differenza delle stories stories, però, i reel vengono mostrati anche a chi non segue un determinato profilo – un elemento che li rende estremamente importanti e strategici per raggiungere nuovi utenti. L’algoritmo di Instagram, infatti, tende a proporre ai suoi utenti contenuti simili, per temi, audio e formati, a quelli con cui hanno interagito o che hanno catturato la loro attenzione a lungo.

 

Facebook: una piattaforma per tutti

I post rimangono il pilastro della comunicazione su Facebook, ma condividono la scena sulla piattaforma con stories e reel, che stanno emergendo come strumenti dinamici per aumentare l’interazione. Qui il pubblico può essere molto più ampio e diversificato: la scelta del formato giusto dipende dalla comprensione del proprio interlocutore e degli obiettivi specifici, per trovare un equilibrio tra contenuti evergreen e momenti di coinvolgimento temporaneo. Di base, la natura più “permanente” dei post su Facebook richiede una strategia di pubblicazione mirata che tenga conto della longevità del contenuto e dell’interazione con gli utenti nel lungo termine.

 

A livello grafico, le immagini possono essere orizzontali (landscape), verticali (portrait) e quadrate (square) e, nell’eventualità di un carosello con più contenuti, è possibile giocare con l’anteprima di pubblicazione della composizione per colpi d’occhio molto creativi e di grande impatto. Stories e reel seguono le stesse regole previste per Instagram.

 

L’elemento interessante è la connessione tra le piattaforme della famiglia Meta, che a livello strategico apre la strada a tante possibilità da considerare in fase di elaborazione del piano editoriale. Tra queste, il cross-posting, ossia l’utilizzo di uno stesso contenuto su piattaforme diverse.

 

LinkedIn: condividere professionalità e connessioni

LinkedIn è una piattaforma unica nel panorama dei social media, incentrata sulla professionalità, la leadership di pensiero e la creazione di reti di contatti. Qui, puoi pubblicare una vasta gamma di contenuti, articoli dettagliati così come aggiornamenti di stato più brevi, raccontando competenze e visioni.

 

Questo si può fare con dei post grafici quadrati, verticali e orizzontali, con la condivisione di video oppure con la creazione di news native e caroselli. Questo formato è particolarmente interessante e consiste nella creazione di una vera e propria presentazione sfogliabile attraverso il caricamento di un file PDF. Il risultato è sicuramente un contenuto che permette di generare engagement, aumentare la visibilità e il traffico al profilo e rafforzare la brand awareness del brand. Tutto questo purché il contenuto sia strutturato in maniera corretta ed efficace.

 

 

Conclusione: l’arte di scegliere il formato giusto

Le immagini hanno il potere di trasmettere messaggi in modo veloce ed emozionale, creando contenuti che rimangono impressi nella mente del pubblico. Per avere successo, è importante comprendere e anticipare il tuo pubblico, tenendo bene a mente i tuoi obiettivi, e giocare secondo le regole di ciascuna piattaforma.

 

Netrising può aiutarti a farlo, con una quadra di oltre quaranta professionisti che ogni giorno lavorano sui social e ne studiano le evoluzioni, per assicurarti una comunicazione in linea non solo con l’identità del tuo brand e tuoi obiettivi, ma anche con le rivoluzioni del mondo digitale. Contattaci, il nostro prossimo progetto potresti essere tu!

 

 

Pubblicato il 20 Marzo 2024
Related Articles