Guida all’Influencer Marketing: come scegliere il profilo giusto per dare un boost al tuo brand

Avventurati nel mondo dell’Influencer Marketing e scopri come i creator digitali possono supportare la tua comunicazione.

Tabella dei Contenuti

Nel panorama digitale, dove trasformazione e rivoluzione sono all’ordine del giorno, l’influencer marketing è senza ombra di dubbio una strategia molto efficace per i brand che vogliono aumentare la propria visibilità, notorietà e rafforzare l’engagement nei confronti del proprio target. Protagonisti di questo palcoscenico, i digital creator.

 

Ma chi sono questi personaggi e perché il loro coinvolgimento sembra essere indispensabile per una strategia di comunicazione di successo?

 

Scopriamolo insieme.

 

Cos’è l’Influencer Marketing e perché è importante incorporarlo nella propria strategia?

Upgrade digitale del referral marketing (il passaparola), l’influencer marketing rappresenta una svolta significativa nel processo di interazione tra brand e consumatori e prevede l’attivazione, da parte di uno o più digital creator, di una serie di attività pubblicitarie mirate ad attestare la qualità di un determinato prodotto o servizio. I brand che nell’ultimo decennio hanno deciso di adottare strategie di influencer marketing sono moltissimi, tanto che solo nel 2023 questo mercato ha generato più di 30,81 miliardi di dollari.

 

Imprenditori digitali, pionieri, content creator: gli influencer sono personaggi che hanno costruito una reputazione rilevante sui social e sono in grado di avere un impatto sulla community dei loro follower facendo leva sulla loro conoscenza rispetto ad un particolare settore o nicchia.

 

Percepiti come autorevoli, affabili e autentici, hanno la capacità di influenzare i comportamenti e le decisioni d’acquisto del loro pubblico e, proprio per questo motivo, sono alleati preziosi (se non indispensabili) per aziende e brand che vogliono promuovere i propri prodotti o servizi.

 

Nano, Micro, Medio, Macro e Mega influencer: una guida pratica

Il mondo degli influencer è bello perché è vario e tra testimonial, blogger e reviewer, risulta difficile (se non impossibile) delineare la portata di questo fenomeno digitale ormai consolidato. Possiamo comunque identificare sei ambiti in cui influencer e content creator si muovono: fashion e lifestyle (17,6%), food (17,6%), travel (12%), tech & gaming (9%), beauty (8,6%) e sport (7,1%).

 

Un’ulteriore classificazione è quella che si basa sul numero di follower sulle diverse piattaforme social, che permette di individuare cinque categorie:

 

  • Nano-influencer: il loro profilo conta fino a 10K follower e si contraddistinguono per un discreto livello di engagement e interazione;
  • Micro-influencer: con una fanbase che si aggira tra i 10K e i 50K follower, si rivolgono ad un pubblico di nicchia, con cui condividono passioni e interessi;
  • Medio-influencer: i profili più attivi registrano fino a 500K follower e fanno leva su una community consolidata;
  • Macro-influencer: contano fino ad un 1 milione di utenti iscritti alle loro piattaforme e sono in grado di veicolare messaggi molto forti in quanto godono di grande stima;
  • Mega influencer (celebrity): superano il 1 milione di follower, hanno una reach molto elevata e un pubblico altrettanto variegato.

 

Scegliere la persona giusta per rappresentare il proprio brand è fondamentale e, sebbene il numero di follower possa essere un buon indicatore in fase decisionale, non è l’unico che è necessario prendere in considerazione. Infatti, prima di procedere con l’attivazione di una campagna di influencer marketing, è bene valutare un insieme di altri dati (come ad esempio engagement, interazioni e commenti) e partire dal presupposto che se il contenuto concordato non verrà percepito come autentico e genuino, allora difficilmente sarà anche efficace.

 

 

Ci pensano gli influencer

La Micellar Water di Garnier compie dieci anni e l’azienda festeggia l’importante ricorrenza con una campagna influencer dedicata alla promozione dell’iconico prodotto. A scendere in campo sono i Garnier Partners, i numerosi i volti che partecipano all’attivazione. Tra questi troviamo Carolina Porqueddu, in arte @ketosaurr, influencer di origini sarde che da Bologna lavora alla creazione di contenuti dalla forte impronta comica, e Alexia Nikolakeas, conosciuta sui social come @varyaren, rinomata make-up artist milanese. A loro viene affidata la creazione di contenuti originali, in linea con l’identità del brand e del prodotto e caratterizzati da un alto livello di autenticità e naturalezza.

 

Parallelamente, il progetto si articola anche in un filone di contenuti soprannominati “la Sfida Micellare“, che coinvolgono le influencer Cleo Toms e Adriana Spink in una serie di video durante i quali si sfidano a truccarsi e struccarsi, coinvolgendo il pubblico che partecipa attivamente e suggerisce alle due make-up artist cosa fare.

 

 

POV non è un POV

Mattia Stanga è il creator ideatore del format POV, dove con un linguaggio semplice, tagliente e ironico si immedesima in maniera del tutto spontanea in personaggi, situazioni e luoghi comuni del vissuto quotidiano.

 

Non a caso Bref, brand di detergenti per la casa e i sanitari, lo ha scelto come protagonista di una campagna di influencer marketing con duplice obiettivo: rafforzare la presenza del marchio sui social e ampliare il target di riferimento. Per generare awareness e incentivare l’engagement, Stanga ha presentato quattro personaggi, ciascuno associato ad un prodotto in linea con la personalità, che nell’arco di tre mesi ha generato una media di 21M visualizzazioni, oltre 217mila like e più di 4mila ricondivisioni. Centrando pienamente gli obiettivi della campagna.

 

In conclusione

Incorporare gli influencer nella strategia di marketing non solo può aumentare la visibilità del brand ma anche offrire un modo autentico e mirato per raggiungere il proprio pubblico. Sono numerosi gli aspetti da considerare prima di attivare una campagna di questo tipo, per questo, il team di Netrising è pronto ad aiutarti a trovare la strada più adatta a te.

Pubblicato il 8 Marzo 2024
Related Articles